mercoledì, settembre 14, 2005

Non è mai facile tornare a casa, dopo un lungo viaggio.
Eccomi di nuovo in Italia, dopo una lunga assenza e la sensazione, al rientro è ancora una volta legata a quello che ti ha colpito mentre eri fuori. Folla Nel treno, a Peschiera del Garda, guardavo il lago e lo paragonavo agli altri laghi visti in Canada, guardavo passare le case nella campagna e rivedevo la fattorie che ergono i loro silo in mezzo a pianure sconfinate.
L'Italia mi sembra un pullulare di umanità: ovunque ti giri trovi segni dell'attività dell'uomo. Le campagne non sono mai deserte, le città sempre popolose e le case ammassate le une sulle altre. Sembra che non ci sia spazio per tutti e ci dobbiamo stringere per fare posto agli altri.
Forse è veramente così.

6 commenti:

Aixea ha detto...

O'Reilly Network Homepage
I started working with O'Reilly Network in the Summer of 2000. We had just sold Web Review to Miller Freeman, and for a few moments there, I was out of a job.
Hey, you have a great blog here! I'm definitely going to bookmark you!
I have a family protection site/blog. It pretty much covers family protection related stuff.
Come and check it out if you get time :-)

mARgoT ha detto...

Non sai come ti capisco... il ritornare e' sempre traumatico. Per quanto riguarda il sovraffollamento non credo sia una questione di spazio, e' piu' una questione di cultura...

ra ha detto...

...e per fare posto agli altri ce ne andiamo in un'altra nazione?!

asteria ha detto...

e' che non sappiamo stare da soli...abbiamo bisogno dei bagni di folla

mandyhunor11205874 ha detto...

i thought your blog was cool and i think you may like this cool Website. now just Click Here

Ruthven ha detto...

Mah... dipende dai punti di vista Aste'. Ho conosciuto gente che, per esempio, se ne vuole andare da Milano e tornare a Trento perché trova la vita troppo caotica.
Questione di indole ed esperienze infantili, credo.